20 luglio 2019, riconquista la tua Luna

50 anni conquista luna

Il 20 luglio 1969 siamo giunti sulla luna, “Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità” ha detto Neil Armstrong ma questo passo gigantesco per l’umanità non è stato altrettanto grande per la nostra anima.

Il nostro rapporto con la luna, il cielo, i simboli e gli archetipi antichi è distorto. La conquista della luna (quest’anno ricorre il 50º) non è solo un passo importante dal punto di vista scientifico, conquistare la luna vuol dire per traslato, conoscere la propria emotività e acettarla, perché ognuno di noi è dotato di una percentuale emotiva nella sua personalità e può variare da zero a 100.

In cinquant’anni non siamo riusciti a conoscere meglio le nostre emozioni, siamo ancora convinto che ci portino debolezza, chiusura, ombrosità. Le abbiamo catalogate, abbiamo tentato di controllarle perché è ancora presente l’idea che le emozioni possono portare fuori strada, ci rendano deboli e rendano le donne (rappresentate simbolicamente dalla luna) inaffidabili. Questa idea è diventata uno schema di comportamento, porta le donne a volersi sostituire agli uomini senza luna che appaiono vincenti e sembrano avere in mano le chiavi del successo e dell’universo. E ancora una volta la luna perde il suo ruolo archetipico.

Continuiamo a pensare che la luna sia inutile ed è la stessa convinzione che ci porta a maltrattare senza sentimento il pianeta sul quale viviamo perché non pensiamo che la Terra sopravviverà oltre noi e resterà ai ragazzi che manifestano in piazza seguendo Greta Thunberg. Con un pizzico di luna questo non accadrebbe.

UNA PICCOLA RIVOLUZIONE
Desidero che il 20 luglio 2019 coincida con un nuovo inizio dal punto di vista interiore, il nostro rapporto con l’emotività deve cambiare partendo da una cosa molto semplice, immaginando che possa essere utile sentire e seguire le nostre emozioni. Basterà osservarle, le emozioni sono ribelli esattamente come le dee delle quali ci siamo dimenticati, le donne dee non appartenevano a nessuno ma erano felici di essere forti emotivamente e sono state felici anche senza essere state madri. Questi concetti dimenticati sono quelli che potrebbero rivoluzionare il rapporto fra uomini e donne, fra donne e donne, fra tutti noi e la dimensione della luna. Sarà come conquistare per la seconda volta il nostro satellite.

IL 21 MAGGIO 2019 è uscito UOMINI SENZA LUNA solo su Amazon
A soli due mesi di distanza, il 20 maggio 2019 esce per Amazon Italia il mio nuovo libro che si chiama UOMINI SENZA LUNA e il 21 giugno 2019 lo presenterò a Milano con un evento che farà vivere a tutti una experience gratis. Richiedi altre per info per partecipare (se sei blogger, influencer, giornalista un gift offerto da Tucano) scrivi a 21giugno@email.it

SEGUI IL MIO ACCOUNT INSTAGRAM – @matteopavesi

CONTATTI PER INTERVISTE E ALTRO
Avrei un grande piacere di parlare di queste cose nelle occasioni che mi darete, sono disponibile per interviste e spiegazioni. Per informazioni chiamate il 328 8297304 oppure scrivete una mail a matteopavesi.pr@gmail.com

Continua a Leggere
Come sostengo da molto tempo la luna, simbolo principale della sfera emotiva in psicologia e astrologia è la parte più dimenticata di tutto l’universo interiore. Le radici di questa sistematica dimenticanza sono molto profonde ma non così lontane. Il nostro rapporto con le emozioni è diventato difficile da quando si è affermata l’idea che una persona forte sia decisa ma non emotiva. La parte emotiva del carattere era la guida principale per crescere ed educare i bambini della società matriarcale definita della grande madre precedente a quella moderna. L’idea che sentire emozioni ci renda vulnerabili inaffidabili e insicuri ha messo radici in una società che è terrorizzata dall’esprimere davvero quello che sente e quello che desidera davvero. Questa difficoltà emotiva, diventata mancanza di educazione emozionale, ha fatto breccia molto velocemente nella mente di quegli uomini che si ritengono superiori non solo alle donne ma anche agli uomini sensibili e percettivi.

Gli uomini che si ritengono forti e realizzati perché non piangono mai e non sentono umanità e sensazioni quando stanno facendo qualcosa di sbagliato o stanno ledendo diritti o conquistando lo spazio di altre persone, sono uomini senza luna dal titolo del mio nuovo libro in pubblicazione su Amazon dal 20 maggio.

Per fortuna la situazione non è solo questa, fra gli uomini senza luna si nascondono altri uomini che sono stati cresciuti da madri che hanno insegnato loro ad emozionarsi e a ritenere le proprie sensazioni una guida preziosa per diventare migliori.

Grazie dell’attenzione !
E’ gradita la condivisone.

Author: Matteo